Blog

E LA CULTURA NON SI FERMA. “TUTELARE LA MEMORIA”: SEMINARIO A CURA DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI STORICO-ARTISTICI. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PERUGIA.

"TUTELARE LA MEMORIA. Temi e questioni di museologia e di arte della Shoah e della Resistenza": questo il tema del seminario che si terrà oggi, giovedì 22 ottobre alle 17,30, nell’aula virtuale della Scuola di specializzazione in Beni Storico-Artistici dell’Università degli Studi di Perugia. A cura di Eirene Campagna, Tommaso Casini e Paolo Coen, sarà dedicato alla memoria di Willy Monteiro Duarte e per prendervi parte si può cliccare sul link: https://bit.ly/2H1cCq3

 

IL SEMINARIO sarà preceduto dai saluti istituzionali di Maurizio Oliviero (Magnifico Rettore dell’Università degli studi di Perugia) e Filippo Mario Stirati (sindaco di Gubbio). Introducono Cristina Galassi Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell’Università degli Studi di Perugia; Daniele Parbuono Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Demoetnoantropologici dell’Università degli Studi di Perugia; Erminia Irace Presidente del Consiglio Intercorso di Laurea in Beni e Attività Culturali.

 

“Si tratta del primo incontro di una serie di seminari e appuntamenti che la Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici vuole proporre all'attenzione non solo della comunità accademica ma anche di quella regionale, nazionale e internazionale. I seminari dovrebbero affiancare le attività curricolari e tradizionali della Scuola. I colleghi che avremo il piacere e l'onore di ascoltare in questa occasione fanno parte del corpo docente della Scuola e appartengono ad alcuni degli atenei consorziati: ci propongono un tema molto importante: quello della Memoria che non deve avere solo un valore retrospettivo ma deve valere come monito per il presente e la contemporaneità”. (Cristina Galassi)

 

 

marilena badolato

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.