Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

IL “CANONE INVERSO” DI CIRO. LA MOSTRA IN GIPSOTECA A PERUGIA

INNAMORATO della materia. Ma quella derelitta, antropica, lo scarto, gli oggetti di margine. Materiali diversi, lignei, metallici, malacologici, tessili, plastici dismessi  rivivono con Lui di nuova vita, nuova forma, nuova ragione d’esistere. “Materiali che mi vengono quasi addosso, non li cerco”, dice l’artista. Recupero,  studio dei materiali, e immaginazione che è Arte. Capacità  nuova di guardare alla realtà.

 

QUESTE inusitate forme di antico materiale usato che  Roberto Cipollone, in arte Ciro,  utilizza nelle sue opere, vestono sino al 18  maggio la Gipsoteca perugina di diverse identità . “Un Umanesimo integrale, questa Arte di (ri)dare la luce a cose che l’avevano persa per sempre, in una ricerca che esalta la verità e la bellezza.  E’ un “ Canone inverso” questa Mostra,  nel suo significato etimologico: la parola canone, che deriva da canna che era intesa come regolo, unità  di misura, indica tutto ciò quindi che è normativo.  Qui invece si dona importanza a tutto ciò che norma non ha, si creano istallazioni importanti da oggetti di utilizzo comune dismesso, povero. E su tutto governa allora l’immaginazione, quella creatività che dona un risalto più ampio, dilatato dalla mera realtà”. (professoressa Cristina Galassi, direttrice CAMS)

 

UN Canone inverso per una  bellezza metastorica. “E Ciro comincia dalla fine della sostanza.  Oggetti abbandonati che devono di nuovo trasmettere messaggi. Ri-nascono non più  con una funzione, ma nella metastoria della bellezza, consegnati in questo modo  a una perennità. Quando gli oggetti terminano la loro vita funzionale, cominciano a vivere di bellezza. Una  arte leggera che sottrae peso alla materia per  farla vivere fuori  dal tempo , quasi intrisa di una spiritualità laica. Una sola opera presente qui  in Gipsoteca è segnatamente religiosa e rappresenta una corona di spine, fitta e densa di dolore,  e un grande chiodo, un messaggio  che assume in se la dimensione esistenziale del sociale. (professore Gian Luca Grassigli). E “Lo sguardo di Ciro è verso le cose , verso il ritorto percorso del tempo che gliele consegna in eredità, verso l’urgenza artistica con cui esse bussano alla porta della Bottega di Loppiano.” (dottoressa Benedetta Sciaramenti).

 

L’ARTE come fare. Del resto  il canone estetico della grecità era nella “τέχνη” (tèchne), la perizia del saper fare, e artigiano e artista erano la stessa cosa. Il  termine, che in origine veniva usato per indicare una prerogativa degli dèi a loro sostanziale di cui era stato fatto dono agli uomini per sopperire alla loro intrinseca debolezza, solo con il tempo indicherà l’ invenzione umana. Nell’antro, nella fucina, nella bottega della storia, l’Arte era originata  dal guizzo del divino, era l’estro donato dal dio e catturato dall’uomo. Il “sacro fuoco dell’arte” che stasera arde nell’accensione  di un braciere qui in Gipsoteca.

 

E LE OPERE esposte  si illuminano anche di luce riflessa, donata dai gessi  vestiti di perennità. Questo bianco infinito dove tutto appare. Tra custodi muti di bellezza, sentinelle del tempo senza tempo. Un  “Canone inverso”  anche nel confronto tra  la  bellezza di calchi che resistono alla  eternità e opere che invece per ri-esistere hanno bisogno di una mano che le crei di nuovo, inventando per loro un posto nuovo nel mondo.

 

UN LASCITO del tempo sono i gessi della Gipsoteca. Un lascito del tempo le opere che Ciro ridisegna, ricrea trovandole lì abbandonate, dimenticate.  Ma foriere, per la forma, per il materiale, per le reazioni plastiche, per le strade artigianali che portano alla realizzazione estetica- che Ciro  ben conosce- di un nuovo vivo messaggio.

 

 

 

                                                                         CANONE INVERSO

                                                                          Ciro  in Gipsoteca

                                                  Mostra temporanea di Roberto Cipollone, in arte “ Ciro”

                                                     Gipsoteca dell’Università degli Studi di Perugia

 

          dal 12 Aprile al 18 maggio 2019 ogni giovedì e venerdì, ore 16.00-19.00 (eccetto giovedì 25 aprile)

 

 

www.labottegadiciro.it

 

www.cams.unipg.it

 

 

marilena badolato

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.