Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

“ODE TO THE MASTER” AL FESTIVAL DEI 2MONDI DI SPOLETO: UN OMAGGIO AD HANS VAN MANEN.

UNA INTERA CITTA’, un palcoscenico. E’ Spoleto durante il suo Festival dei Due Mondi. E bellezza si unisce a bellezza, a estro, a fantasia, a creatività e musei, teatri, palazzi si riempiono d performance di artisti nazionali e internazionali, perché Spoleto regala grande fascino.

 

E IL FESTIVAL, con il balletto “Ode to the master” ha voluto omaggiare Hans van Manen, il “ Grande Vecchio” della danza, come tutti lo chiamano, riferendosi  al suo anno di nascita, 1932, ma non alla freschezza della sua genialità, creatore di opere  che sono in repertorio in più di cinquanta compagnie al mondo, fra le quali il Marijinski Ballet, il Bolsjoi Ballet e il Ballet de l´Opéra National de Paris. Oltre centoventi i titoli creati da quanto nel 1957 ha fatto il suo debutto autoriale con Feestgericht.

 

COSI’ al Teatro Romano, illuminato di un fascino azzurro siderale, il Balletto Nazionale Olandese ha portato in scena uno spettacolo formato da tre coreografie dove l’estremo tecnicismo si è fuso con movimenti plastici emotivi, con ironia, con scarti cesellati e improvvisi di significati poetici.  “Il mio balletto-dice l’autore- parla di relazioni, il che comporta un carico di emotività 

 

EMOZIONI INTENSE e invece una forte struttura razionale si sono alternate in una sapiente combinazione di tecnica accademica e modern dance. Adagio Hammerklavier, su musica di Beethoven, studio sulle infinite possibilità che ha un movimento di essere lento, ha presentato in scena coppie disarmonicamente organizzate a rappresentare desideri non realizzati, attrazioni e repulsioni. In Kleines Requiem, sulla musica cupa e misteriosa della terza e quarta parte del Requiem für eine Polka di Górecki, la danza, molto malinconica, ha mostrato i temi della separazione e della solitudine. Ha chiuso la gioia esplosiva dei 5 Tango's, forse il pezzo più eseguito di Hans van Manen, creato negli anni Settanta su musica di Astor Piazzolla che lo vide rappresentato e ne fu entusiasta.  Strana, coinvolgente miscela tra la passionalità del tango e le forme del balletto accademico, le quali, pur nell'apparente freddezza, segnalano un modo innovativo di utilizzare i ritmi del ballo argentino. Applauditissimo.

 

ADAGIO HAMMERKLAVIER

coreografia Hans Van Manen

musica Ludwig van Beethoven

costumi e scene Jean Paul Vroom

disegno luci Jan Hofstra

 

KLEINES REQUIEM

coreografia Hans Van Manen

musica Henryk Mikolaj Górecki

costumi e scene Keso Dekker

disegno luci Joop Caboort

 

5 TANGOS

coreografia Hans Van Manen

musica Astor Piazzolla

costumi e scenografia Jean Paul Vroom

disegno luci Jan Hofstra

 

 

 

marilena badolato

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.