Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

“A CENA CON L’ITALIA” ALL’HOTEL CORALLO DI RICCIONE. CON I PIATTI DELLO CHEF VALERIANO CASTELLITTI

 

A TAVOLA ALL’HOTEL CORALLO, stasera, con la novità della cena dedicata all’Italia, dove prodotti e piatti regionali si rincorrono in goduriosa sinergia. Le novità sono ormai diventate consuetudini al Corallo: la “cena romagnola ”del lunedì, la” rustida “di pesce del mercoledì, i “dessert” del giovedì con le crepes, gli spiedini e i vari capricci del pasticcere nel Roof Garden, e sempre in questa splendida terrazza che abbraccia Riccione a 360°, anche l’ “aperitivo” del sabato, una specie di benvenuto, in realtà un ammonimento a prepararsi per una settimana di grandi mangiate. Nel Roof, insieme al barman Salvatore, inventiamo “Principessa 2014”: Prosecco, Porto Ruby, ghiaccio. Et Voila!

 

UNA BELLA NOVITA QUESTA ITALIA IN TAVOLA, Con i suoi prodotti principe e le sue prelibatezze nei piatti magistralmente interpretati dallo chef Valeriano Castellitti. Ritrovo anche la “pasta e ceci umbra", con accanto i “passatelli allo scoglio” una rivisitazione marinara del classico e storico “passatello”, insieme agli immancabili “tortelli” italiani, la nostra pasta fresca dei giorni di festa che in Romagna ha dato il nome persino alle donne che lavorano di mattarello: le sfogline. E già il lunedì, per la cena romagnola, Anna Maria ci aveva mostrato una performance di Live cooking al mattarello, insomma ci ha fatto in diretta, in sala, le prelibate tagliatelle. Segue lo “ stufato al latte di Ravenna”, ma anche gli “arrosticini abruzzesi” accanto ai pesci dei nostri mari: il pesce spada negli “involtini alla messinese” con profumati pinoli, o le “cozze alla tarantina”, con quel pepe caratteristico che fa chiamare questo piatto, in alcune zone della Puglia, “impepata”, e ancora il “guazzetto alla lucana” con pomodoro, basilico e origano fresco, o semplicemente il “fresco icuore di tonno fresco in tranci” e immancabile, l’angolo dei frutti di mare. Accanto in bella mostra le olive di Cerignola, le “ burrate” pugliesi, le “bufale” campane. Il prosciutto di Carpegna accompagna il succoso melone, accanto le salsicce secche di Montefiore con i formaggi stagionati della Valmarecchia, il celebre formaggio di fossa “ Ambra di Talamello”, ottimo con l’ “ambrato” miele e con la confettura di mele alla grappa, insieme all’immancabile perla di gusto del Parmigiano reggiano. Il tutto su splendidi buffet dove ognuno si tuffa più volte per gustare queste fette d’Italia che incanta. Che bellezza e che bontà, dimentico il maltempo che imperversa e rende triste ogni cosa, perché la vacanza d’estate è sole. I piatti parlano di creatività mista a tradizione, come i “ tortelli al caffè”, splendida interpretazione di Valeriano dove si “intrasente” appena, delicatissimo, l’aroma della polvere di caffè, un piatto italianissimo nella pasta e nella più popolare spezia nazionale. E’ il desiderio di creare, malgrado la crisi che ormai ovunque si respira, ma che Riccione, con la sua voglia di fare, ricaccia indietro, quasi aria malsana.

 

UNA SERATA DI MUSICA NEL PARCO DI VILLA MUSSOLINI, organizzata dal Comune di Riccione, rinfranca e conforta: meraviglia di voci e di suoni, repertorio classico e nuovo, la Lirica frammista a Rock e Pop, del “Coro lirico Perla Verde” di Riccione, con la partecipazione del “Coro lirico Sarti- Tassinari”, e dell’ “Opera in Jeans “ con il tenore Enrico Iviglia dalla voce argentina limpida, emozionante. La serata scorre magicamente senza pioggia né vento e la villa è piena di gente che ascolta e canticchia e ripete noti refrain. Che alternano i “Carmina Burana” e il “Va pensiero “di Verdi con “Voglio vivere così”, “Volare” e Granada stupendamente interpreti da Enrico Iviglia, e ancora il “Coro muto della Butterfly” e il nostalgico “O Signore dal tetto natio” insieme a “Con te partirò” , e a “Perdere l’amore”. Segue la popolare “Non pensare a me”, e apre immediatamente dopo il pezzo rock di “Back to the Rock” : batteria, chitarra elettrica e acustica, basso elettrico e tastiera. Il finale è da scintille: “Gli aranci olezzano” della Cavalleria Rusticana fanno da apertura alla “Bohemian Rhapsody” , interpretata tutti insieme, musica da brivido, ricordando i Queen e il mitico Freddy Mercury. Il “Brindisi “ della Traviata suggella una serata veramente riuscita, in questo bel parco di una residenza storica intelligentemente recuperata che ora è un Museo della città di Riccione.

 

BICICLETTE AL VENTO DEL LUNGOMARE, innovativi assaggi di gusto e ardite interpretazioni di cocktail, musica di nuovi e vecchi refrain si mescolano e costruiscono Riccione.

Riccione del sorriso e del buongiorno romagnolo, anche quando piove.

 

 

marilena badolato    fine luglio 2014       foto di marilena badolato          maribell@live.it

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

6

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.