Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

I SETTANTA ANNI DI ATTIVITA’ DELLA SARTORIA LEMMI DI PERUGIA.

FESTEGGIARE alla grande i settanta anni di un atelier perugino della moda e farlo con gioia ricordando il suo fondatore Augusto Lemmi scomparso da poco tempo, insieme ai due figli che continuano questa importante realtà sartoriale e di moda, Antonella e Vittorio.

 

UN ESTETA ERA Augusto Lemmi, che amava il bello in tutte le sue forme e soprattutto l’arte, tanto da circondarsi in casa e in negozio di opere di artisti umbri e nazionali , e così tanto da far ricorso, alcune volte, a un baratto tra complici: un quadro per un abito. Un’opera d’arte su tela per una tela abilmente tagliata e lavorata su misura. Che cadesse perfettamente, che nascondesse, minimizzandoli, i difetti posturali di ognuno di noi e che raccontasse il mondo personale di chi lo indossava, i gusti, le preferenze, i colori. Perché il sarto artigiano è anche un po’ psicologo: capisce come sei, il tuo mondo, che cosa potresti indossare  per come sei o come vorresti essere.

 

QUESTO è il miracolo della moda, descrivere i tempi calandosi perfettamente nei contesti sociali, economici e culturali, e  in più l’Artigiano della moda vuole conoscere te stesso, chè l’abito diventi veramente la tua seconda pelle. Ed era un'emozione vedere Augusto Lemmi, fino a qualche mese fa, accanto a quel lungo tavolo ricco di arnesi da lavoro, controllare, insieme a uno dei suoi sarti, le linee colorate dei gessi nei plafond della pezza tagliata a creare una giacca. Un mondo di geroglifici affascinanti  a sottolineare dove togliere o dove aggiungere, dove tagliare o invece ampliare. E accanto il forbicione, arnese pesante e dalla lunga lama, a ricordare sempre che “ il taglio sia diritto e senza remore o titubanze”.

 

Lui sempre nella sua eleganza: giacca di gabardine a doppio petto, panciotto in tinta, pantaloni in tweed, camicia a collo bianco inamidato, con il davanti a carré rigato , scarpe di camoscio con stringa , calzini in tinta [….] (da: Rino Fruttini. Augusto Lemmi. Un artigiano della moda. Perugia, Morlacchi Editore 2018)

 

TANTI gli aneddoti legati alla lunga vita di Augusto Lemmi, curiosi e importanti, come i vestiti creati per clienti famosi  tra i quali Charles Aznavour che seguì persino in tournee a Parigi e poi in Russia, preparando vestiti  per ogni occasione. Ma anche quello legato a un giovane ragazzo che sognava un vestito Lemmi per il giorno della sua Laurea, ma non aveva abbastanza denari. Bene quel vestito lo accompagnò comunque in quella sua importante giornata.

 

 

 

marilena badolato

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

4

Post A Comment