Blog

IL RITO DELLA “RUSTIDA” ALL’HOTEL CORALLO DI RICCIONE.

I SARDONCINI, retaggio dell’antica rustida,  da consumare rigorosamente con la piada bollente, fatta, cotta e mangiata.  E con quel radicchio in insalata che dona refrigerio in bocca. La rustida, la pratica marinara di arrostire il pesce appena pescato, per lo più  quello azzurro così abbondante,  soprattutto sarde insaporite da una sottile aromatica panatura e accoppiate su spiedini improvvisati, i sardoncini appunto, oggi anche in nuove interpretazioni, ma sempre estremamente gustosi. Con un buon bicchiere di Sangiovese, quello tirato dalla botte. Ma anche un Trebbiano di Romagna, per chi volesse un  bianco aromatico. Solo la localizzazione oggi è diversa. Non la spiaggia o in riva il mare, ma la splendida terrazza affacciata su tutta la Riviera dell’Hotel Corallo di Riccione, dove il mercoledì è sacralmente dedicato alla rustida. E ad altri spiedini di invitante pesce:  gamberi e calamari, branzino, coda di rospo, tutti rigorosamente cotti alla brace. Insieme a uno splendido primo piatto, creato dallo chef  Valeriano Castellitti: questa volta  saranno orecchiette, vongole e cozze con pomodorini pachino, in armonia con  quel bicchiere di invitante rosso… E a concludere il pasto, il digestivo "caffè matto", un caffè corretto  inventato dal direttore Silvano Turci. E scendendo poi in piscina l'immancabile, splendido caffè shakerato del barman Salvatore, rigorosamente amaro, ma con una piccola spolverata dicacao e zucchero di canna...

 

MODERNA, funzionale, ma anche romantica: questa è l’ospitalità in Romagna. Che si ripete sempre la stessa e si rinnova continuamente. Il sorriso di sempre si è unito alle strutture di design, a servizi di eccellenza e  modernissimi confort , oltre alla innata genialità dell’ottimismo. Sembra che nulla al di là dell’apparente  naturalezza, sia invece  lasciato al caso, con tanti dettagli che fanno la differenza.

 

IN QUESTA STRANA  estate di giorni roventi  alternati a violenti acquazzoni, Riccione è tra grilli e uccellini e gabbiani, tutti in cerca di acqua e refrigerio. Riccione sotto il solleone. Un Eden  mescolato a voglia di vivere. Capitale dei cocktail e del cibo di strada, di piatti innovativi e di tradizionali sfoglie tirate dalle abili mani di velocissime sfogline che creano goduriose tagliatelle italiane. Capitale del gelato, dove trovi persino il gusto pane burro e marmellata…

 

RICCIONE, dove sopravvivono  antiche pratiche marinare di cibi consumati in compagnia e sacre processioni sul  mare, e dove i bagnini sorridono e salutano augurando il buongiorno con bomboloni caldi…

 

 

marilena badolato

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

4

Post A Comment