Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

INSALATA COME INTEGRATORE NATURALE.

 

INSALATA DA INSALARE, cioè  "condir di  sale quel cibo d’erbe e simili per lo più crude" che si mangiano con accanto l’oliera. I latini la chiamavano acetaria  “prendendo motivo dall’aceto con la quale pure si asperge", ma il termine è  passato a significare anche una “ mescolanza confusa e disordinata di più cose o idee". “Molte volte aveva disiderato d’avere cotali insalatuzze d’erbucce (Boccaccio). Quando "l’insalata era nell’orto" e ci si nutriva di povertà, le verdi foglioline accompagnavano soltanto qualche fettina di pane da “pucciare” nel godurioso e semplice condimento di sale, aceto e olio. Oggi l’ insalata è scelta di bellezza oltre che di salubrità. Strappate alla umiltà del quotidiano o alla tristezza di un digiuno forzato di chi sta perennemente a dieta, le insalate ormai sono dei veri e propri quadri di gusto, opere d’arte che gli chef d’avanguardia ripropongono in chiave nuova e intrigante. E gli stessi condimenti possono cambiare e trasformarsi in autentiche preparazioni di affascinante alchimia: polvere di aceto fatto essiccare, olio solido o in gel, sale caramellizzato dal gusto dolce-salato e poi ridotto in polvere. E così le insalate nostrane sono diventate “scampoli di cielo” o “mari del sud”, interpretate dai grandi cuochi. Perché  l’insalata può  raccontare del paradiso terrestre della  cucina, con in più i colori del paesaggio, elemento ormai imprescindibile nella nostra vita.

 

MA IL FORAGING ha  conquistato anche i nostri piatti quotidiani che, dall’orto al bosco, dal coltivato allo spontaneo, si riempiono di fiori edibili e foglie, di erbe, bacche e frutti insieme, facendo delle insalate preparazioni che sono  un  vero e proprio integratore naturale. Con semi,  erbe, germogli, legumi, cereali integrali, le verdure descrivono architetture di paesaggi, danno forma a concetti. E il concetto primario è coniugare salubrità, appetibilità e bellezza. Prepariamoci allora,  che è tempo di primavera e di una dieta sana dopo le libagioni pasquali,  ad assaggiare tutto quello che la Natura nel suo risveglio, ci regalerà. Cominciamo con il bilanciare stravizi e salute fuori dall’inverno con frullati al mattino, l’ ideale per aiutare l’organismo a rimineralizzarsi e  sfruttare al massimo l’effetto antiaging e depurativo di verdure e frutta:  zenzero, carote, mele, magari unite a sedano, finocchio e kiwi e addolcite da un cucchiaio di miele prezioso per un ottimo centrifugato. Oppure verdure unite a quegli intriganti  “semini” o a nuovi cereali che donano qualche salutare rimedio. Come l’aggiunta di un pizzico di tef (eragostis tef) proveniente dall’Etiopia, dalla spiga piccolissima, meno di 1 mm di diametro, ricco di ferro e calcio, fibre e proteine, ma completamente senza glutine. Aggiunto  alle zuppe le rende più consistenti e cremose ed è ottimo  se abbinato ai legumi, a verdure, a tofu per la creazione di piccole polpette vegetariane. Sapori e giochi di colore da gustare con gli occhi vanno appaiati nei mesi primaverili  e nella  tavolozza cui attingere per i piatti del periodo è possibile creare  facili preparazioni da gran gourmet.

 

INSALATE PER PIATTI UNICI che seguano il proprio gusto personale con ceci lessati e catalogna o radicchio, oppure insalate con brassicacee e frutta, un piatto ipocalorico ricco di carotenoidi e vitamina. Fresche insalate unite a qualche nocciola tostata,  fettine di avocado marinate in olio evo e limone,  fettine di  pompelmo pelate a vivo, finocchio sbollentato e magari qualche oliva e alcuni cubetti di formaggio e di pane tostato per una  piccola sana trasgressione. Oppure insalate di sapiente “misticanza” condite con  liquidi centrifugati di succhi di carota,  di finocchio, di pomodoro da cospargere su verdi foglioline, come perfetti e bilanciati dressing di gusto.

 

E LASCIAMO CHE LA NATURA vesta anche la nostra  tavola e non solo i piatti. Le verdure, in questo periodo dell’anno, segnano il passo  anche in composizioni di verde bellezza, come un palcoscenico primario di seduzione e presentazione del piatto. Contribuendo ad una buona  predisposizione, ad una personale serenità della ricerca di quel verde per noi più adatto, anche umile di campo, e nella costruzione di una bellezza che renda più gradevole l’ambiente di vita. Passione e perizia costruttiva o anche semplice amore verso il verde in generale, ci portano  ad accompagnare e presentare la  tavola con le nostre idee per quel menù, per  quel tema, o semplicemente per rallegrare l’animo in quella giornata.

 

marilena badolato   

 

 

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

2

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.