Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

“A TAVOLA CON IL PERUGINO” 2016. 2° CONVIVIO TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO.

LA TAVOLA DEL  PERIODO, tra Medioevo e Rinascimento, età in cui visse il nostro grande Pietro  Vannucci, il Perugino,  affermava la volontà  di raccontare la propria potenza e supremazia, veicolo di cultura, pensiero e di uno status symbol che si voleva affermare. Nelle numerosissime portate, anche oltre venti, nell’uso  smodato delle spezie e del costoso zuccharo, nei colori squillanti che raccontavano la sapiente e intrigante conoscenza di licheni, fiori, piante,  come la roccella tinctoria per tutte le sfumature del rosso o quei  bianchi  candidi sinonimo di castità e astinenza anche a tavola,  nelle architetture immaginifiche che racchiudevano volatili, animali vivi, a suscitare meraviglia e stupore nei commensali. Ecco allora che i menù si componevano di portate dove il bello e il buono coincidevano. Dove la bellezza e l’armonia dei colori e delle forme potesse raccontare anche la  bontà di quel piatto e la bellezza e l’armonia dei committenti.

 

 

IL MIO MENU VUOLE COSI’ RIPROPORRE, in  forma certo  ridotta  e attualizzata, quelle torte farcite  di curiosi e storici intingoli a base di "regaglie", un pasto da re;le brodaglie tipiche degli spedali, ma  nutrienti di antichi legumi che si offrivano ai viandanti in questi luoghi di accoglienza, prima e di cura  poi; i "tordelli" e "raviuoli" o "agnolotti", che invece nobilitavano con le loro  farciture più varie le tavole di signori, con  l’uso dei formaggi  che in questo momento  ritornano prepotentemente in auge e resi gialli dall’aureo zafferano;  una mirabilia gulae,  girandola  di carni  arrostite e servite con  salse di frutta colorata, quelle susine che erano così  diffuse nella nostra penisola come la ramassin ( siriana di Damasco) o la scosciamonaca, che orti archeologici della nostra regione ancora oggi  cercano di salvare, quegli stessi frutti dipinti sulle volte cinquecentesche dei palazzi nobiliari dal Perugino e dal Pinturicchio. O ancora con salse a base di mele e "cipolla di Vatolla", antichissima coltivazione,  un ecotipo coltivato in un ristretto territorio del Comune di Perdifumo, frazione di Vatolla, nel cuore del  Parco Nazionale  del Cilento, introdotta dai monaci basiliani, e anche quella “misticanza” cantata da Pietro l’Aretino, armoniosa e goduriosa composizione vegetale. E a chiusura un “trittico”, un tris dolce all’interno del quale trovare  il “torcolo del Perugino” e il “pandolce delle fonti”,  due ricette che ho creato lo scorso anno sempre per questo evento.

 

E NON POTEVA  MANCARE LA NOVITA’ pensata in onore del patrono di Fontignano: il "bocconcello di San Leonardo", un pane dedicato a questo santo di Noblat , zona francese del  Limosino, in due versioni diverse per i due rioni, con farine macinate a pietra, integrale, di miglio e di castagne. Il nome deriva da una frase del santo eremita tratta da un racconto agiografico della  sua vita, quel  “bocconcello di pan  duro mangiato  nella gioia di una  coscienza pura”. San  Leonardo, eremita del V secolo, fondò un piccolo eremo nella “porzione di foresta che poteva circoscrivere in un giorno cavalcando con il suo somarello”, dono del Re di Francia per aver salvato  da un difficile parto la regina e chiamato per questo “nobiliacum”, cioè dono del re, da cui Noblac, oggi la cittadina di Saint Leonard de Noblat. Protettore dei carcerati ingiustamente, delle partorienti,  ma anche degli agricoltori, delle coltivazioni  e degli animali, cosa che conferma  la vocazione principale di Fontignano .

 

QUANTA STORIA E’ DENTRO queste  preparazioni, antica e attualizzata, per scoprire anche dal punto di vista gastronomiche le  pieghe di una identità. Ricreare, attraverso uno studio comparato della storia, dei luoghi e del  gusto, e attraverso materie prime che ancora oggi esistono, ricette che confermano la fisionomia di un luogo dedicato ad una  agricoltura fiorente e a un paesaggio  verde. Lo stesso raccontato da centinaia di anni  nelle tele di grandi artisti.

 

                      A TAVOLA CON IL PERUGINO- UN MENU' TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO

                                             a Fontignano- Perugia   Sabato 27 agosto 2016 ore 20.30

 

 

 

marilena badolato

Menu di Storia al Palio delle fonti | www. umbriatouring.it

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

5

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.