Blog

EUROCHOCOLATE 2016: CON CHI? CORSO VANNUCCI.

IL NOSTRO CORSO PRINCIPALE porta il nome del “ divin pittore” Pietro Vannucci, il Perugino, nato a Città della Pieve, artista nuovo nelle velature, nell’umana dolcezza dei volti delle sue Madonne, nei paesaggi nostri dallo sfondo botanico e acquatico lacustre. Il corso è in realtà una grande e lunga  piazza tanta è  la sua ampiezza. E’ luminosissimo e costruito in modo tale che anche in fondo, da Piazza Italia, si possa sempre scorgere  la Fontana Maggiore dei Pisano, Nicola e Giovanni, bianca bellezza a cui i palazzi ottocenteschi sembrano fare rispettosa ala. Stand del cioccolato curiosi e interessanti e forse i più nuovi, contribuiscono a costruire un variopinto, profumato Corso con i negozi, molto belli, che espongono in questi giorni le idee più originali: dal profumo al cioccolato, ai liquori, agli oli novelli- non dimentichiamo che siamo una importante regione olivata-, agli abiti color cioccolato, nocciola, cacao.

 

UNA GIGANTESCA, ELEGANTISSIMA SCARPA, nello stand chocolate shoes, troneggia in mezzo al Corso  per “indossare” qualcuno, finalmente non per essere  indossata. E le vie collaterali, grandi e piccole, via Mazzini, via Fani, via Calderini, via Bonazzi, ma anche i piccoli gioielli di via Danzetta e via Baldo che scendono come rivoli verso Piazza Matteotti, hanno intriganti negozi e sorprese al cioccolato. E Sandri, caffè storico e storica pasticceria a Perugia dal 1860, espone, tra prelibate dolcezze, la scultura di cioccolato della nostra Fontana Maggiore che zampilla cioccolato!...Antesignani? Premonitori? Chi può dirlo? Fatto è che la Piazza della fontana sta davvero diventando lentamente la piazza del  cioccolato con l’apertura di nuovi negozi tematici. Noi comunque speriamo che il nostro capolavoro marmoreo continui a regalarci sempre acqua, quella che veniva, sin dal 1275, dal nuovo acquedotto del monte Pacciano, grazie ai lavori diretti da  Fra’ Bevignate. 

 

 

Tra gli allievi di Piero della Francesca ci fu un tal Piero da Castel della Pieve che tanto piacque al suo tempo che vennero molti di Francia, di Spagna e d’Alemagna e d’altre province per apprender i segreti della sua pretiosa arte…” (Giorgio Vasari-Vite dei più eccellenti architetti pittori et scultori italiani da Cimabue insino a' tempi nostri- Firenze- editore Lorenzo Torrentino 1550).

 

 

marilena badolato

 

 

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

1

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.