Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

IN 25 SFUMATURE “BIANCOROSSOVERDE” QUELLO CHE GLI STRANIERI AMANO IN NOI.”IL BELLO DELL’ITALIA”, LIBRO DI MAARTEN VAN AALDEREN. RISATE&RISOTTI-ORVIETO

SONO BEN 25 I MOTIVI individuati da altrettanti giornalisti stranieri di tutto il mondo, per cui valga la pena parlare d’Italia. Interviste riportate dal Presidente della Stampa estera Marteen van Aldeeren nel suo libro “ Il bello dell’Italia”, pubblicato da Albeggi Edizioni, che mostra in copertina una scultura di Igor Mitoraj raffigurante un Icaro caduto, dolorante, ma che cerca di risollevarsi per tornare a volare. Una sferzata di ottimismo per noi italiani, un invito a credere in noi

 

QUESTI I “MAGNIFICI 25 “ che sono il nostro biglietto da visita per l’estero. Se per il tedesco Udo Gumpel la forza degli italiani è nella loro inesauribile creatività, la brasiliana Gina de Azevedo Marques ne esalta l’autoironia, mentre la turca Esma Cakir ne elogia la convivialità. Il corrispondente spagnolo Rossend Domènech racconta in modo appassionato l’esperienza culturale di Slow Food. La giornalista rumena Mihaela Iordache è convinta che sarà la solidarietà a far uscire l’Italia dalla crisi e l’algerina Nacéra Benali sottolinea anche l’importanza del mondo del volontariato. Il finlandese Petri Burtsov punta sul settore alimentare, la russa Elena Pouchkarskaia su quello della moda. Per Monica Larner, una delle più famose giornaliste enologhe, è il vino il biglietto da visita più bello che l’Italia mostra al mondo. Il cinese Ma Sai ritiene che sia invece il calcio. 

 

IL SUO COLLEGA egiziano Mahdi El Nemr invita a non dimenticare il nostro ruolo strategico e geopolitico nel Mediterraneo. Il greco Teodoro Andreadis Synghellakis ci esorta a credere nella forza della nostra democrazia e l’inglese Philip Willan a non dimenticare gli “anni di piombo”. Richard Heuzé, corrispondente francese a Roma, è colpito dal dinamismo di Renzi. Per l’israeliana Sivan Kotler bisogna investire il maggior numero di risorse disponibili nella scuola, così è per l’iraniano Hamid Masoumi Nejad che aggiunge di ammirare la bellezza e la varietà della lingua italiana. Carmen Cordoba, colombiana, promuove i nuovi autori del cinema nazionale. La giornalista polacca Agnieszka Zakrzewicz si dice innamorata della nostra arte contemporanea, mentre d’altra parte Josephine McKenna, australiana, è affascinata dalle bellezze archeologiche italiane.

 

STUDIOSO DELLA CULTURA ITALIANA, Peter Loewe, svedese, racconta “il respiro del vulcano” di Stromboli e il suo collega danese, Jesper Storgaard Jensen, il fascino dell’isola di Pantelleria. Per l’argentina Elena Llorente l’Italia è “ il paese delle sorprese”. Se la canadese Megan Williams racconta affascinata la storia di Roma, la giovane reporter olandese Sarah Venema porta all’attenzione del mondo il quartiere romano della Garbatella. Da Tetsuro Akanegakubo, giornalista giapponese e profondo conoscitore dell’Italia, arriva l’esortazione a tesaurizzare il patrimonio di saperi e di sapori delle tradizionali trattorie, custodi delle meraviglie del cibo italiano.

 

 “IL BELLO DELL’ITALIA” , libro di Maarten van Aalderen, Presidente della Stampa estera in Italia, intervistato dal giornalista Federico Fioravanti nel Ridotto del Teatro Mancinelli. Appuntamento culturale organizzato da Luca Puzzuoli, direttore del Palazzo del Gusto di Orvieto nell’ambito della manifestazione “Risate&Risotti” 2015, la kermesse comico-culinaria che lega l’evento gastronomico basato su un prodotto italiano d’eccellenza, il riso, al sano e spensierato umorismo della comicità del Bel Paese.

 

 marilena badolato

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

2

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.