Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

MORTE DI UN POETA VISIVO, LE STORIE FANTASTICHE DI UMBERTO RAPONI.

 

“MORTE DI UN POETA VISIVO E ALTRE STORIE VERE, VEROSIMILI E IMMAGINARIE” , ultimo lavoro letterario di Umberto Raponi, si rivela ancora una volta  creazione preziosa, colta, raffinata, ironica. Una satira culturale ed estetica.

 

E USO IL TERMINE “NOVELLA”  per questi brevi racconti di Umberto Raponi,  perché  vi individuo innanzitutto il nuovo, un nuovo linguaggio, l'annuncio di un insolita visione, una  “trepidazione culturale”, una storia fantastica e d'immaginazione,  spensierata e nello stesso tempo “riflettente” contenuti.

 

PRESENTATO nella  bella sede del “Museo della pesca” di San Feliciano lungo le sponde del nostro lago Trasimeno, fonte di ispirazione per numerosi  suoi lavori e davanti a un foltissimo numero di persone curiose, attente e  accorse a sentire come anche questa volta, ancora una volta, Umberto Raponi abbia saputo raccontare nel suo lavoro letterario il mondo, le situazioni, gli atteggiamenti,  quel “pensiero comune” spesso irriso  grazie al completo capovolgimento dei termini della questione.

 

SPESSO “ FUTURISTA” nei tratti grafici e nelle espressioni , che nella storia ad esempio “ Il laboratorio  delle cinque” ritornano descrivendo quelle miracolose noci di San Giovanni, cantate nella magica notte dove sacro e profano convivono nella storia degli uomini, e dove in Umberto sono gustate, insieme ad alloro e miele, durante “un’ora di emozionabile laboratorio del gusto,  con una golosa azione di  trascinamento del composto tra denti e foglia…”. O nella novella “La  sedicesima pralina” dove il protagonista, un goloso maniacale del cioccolato e di tutte le sue  implicazioni gastro-culturali,  utilizza il “cibo degli dei” come materia base per la sua produzione artistica:  “ Il Cioccolato come Arte e l’Arte come Cioccolato” diventa lo slogan  della sua poetica espressiva. E dopo aver plasmato la sua vita come un immensa pralina nera,  si autodistrugge, consapevole della fine, e anzi quasi accelerandola grazie a una sorta di irrefrenabile, compulsivo autocannibalismo.

 

Insomma le storie di Umberto Raponi si leggono tutte d’un fiato,  scevre da noiosi  accademismi, ma nello stesso tempo culturalmente fondanti e dense di  elementi simbolici, letterari, artistici riflettenti il mondo. E il suo mondo,  dove tutto appare magicamente capovolto.

 

 

 

marilena badolato

 

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

4

Post A Comment