Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog

TEATRO CUCINELLI – SOLOMEO. GIOCANDO CON ORLANDO: STEFANO ACCORSI E MARCO BALIANI.

ARIOSTESCA LICEALE MEMORIA  oggi maggiormente acclarata da studi e approfondimenti storici del periodo. Chè tutto ritorna. Affascinante connubio tra perizia linguistica dell’Ariosto, classicità e bisogno di “localizzare” l’opera presso le più importanti corti cinquecentesche dove poterla rappresentare. La grecità e i suoi miti, ora più velata ora manifesta nei nomi e nelle situazioni, e il cinquecento degli intrecci, delle sfide guerresche e amorose legate a filtri e pozioni, a lenimenti curativi con erbe officinali, a magici anelli e a mostri marini, a eroi e antieroi, ai paladini che cavalcano Ippogrifi, cavalli alati, per guardare il mondo da lassù e arrivare sino alla Luna, un tempo approdo agognato, oggi raggiunto. Affascinante e misteriosa Selene,  da sempre amica e complice degli innamorati e luogo dove recuperare quel senno perduto proprio per Amore. Dove giacciono “…le lacrime e i sospiri degli amanti, l’ozio lungo d’ uomini ignoranti, l’inutil tempo che si perde al giuoco, i vani disegni che non han mai loco; i vani desideri sono tanti, che la più parte ingombran di quel loco: ciò che in somma qua giù perdesti mai, la su salendo ritrovar potrai”.  Tra cui anche il senno, chè nel pianeta Terra ve ne è poco, sembra voler sottolineare l’ironia sagace di Ariosto. E ridonare quindi la ragione a Orlando grazie a una infusione nasale, proprio come invece il “capipurgio” la purga del capo a provocare lo starnuto, serviva a quei tempi a liberare il naso e di conseguenza la mente da ogni morbo o “materia peccans”.

 

E IL CANOVACCIO della storia c’è tutto e si dipana dalla voce -affascinante-, dalla mimica, dalla velocità della  gestualità, da spazi e tempi mossi da movenze difficili di Stefano Accorsi, insieme a Marco Baliani attori in scena. Il primo che declama, Baliani invece che inventa rime al momento alleggerendo l’azione, ravvivandola di elementi semi- contemporanei, “giocando”  sulla corrispondenza di rime infilate a ritmo galoppante. “Sono un fool –spiega- a far da regista in scena, spalla e comprimario, a tendere trappole e inventare storie”.

 

COZZARE DI LANCE E SCUDI in battaglia, scontro tra cristiani e saraceni “mimati” dalle mosse dei pupi siciliani che ancora oggi  riproducono i grandi amori di Bradamante e Ruggiero, di Angelica per Medoro, mentre Orlando impazzisce d’amore non corrisposto.  E appare eroe infelice, quasi degno di quella compassione dantesca “poscia ch’io ebbi il mio dottore udito/nomar le donne antiche e’cavalieri, / pietà mi giunse, e fui quasi smarrito” ,  lui qui invece grande guerriero e paladino, protagonista dello stilema cavalleresco che sarà proprio dell’Ariosto nel Furioso “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, / le cortesie, l’audaci imprese io canto”.

 

 MA SOPRA TUTTO E TUTTI PROTAGONISTA E’ L’AMORE,  capace di creare un plot narrativo complesso, da sempre esistito e sempre attuale. Sta qui la sua grande forza, sentimento metastorico e universale. Passionale e cieco, bizzarro e crudele, sensuale e carnale, così irrazionale che se i nostri eroi  berranno dalla stessa magica fonte ma dal getto d’acqua destro incontrandosi si ameranno, mentre bevendo dal  sinistro si odieranno per sempre. Così è l’amore. “Odi et amo” scriveva Catullo, prigioniero di questo sentimento che comunque gli permetterà di regalarci  una poesia universale. Questo amore così fuori dai  canoni sentimentali, fuori dai sentimenti comuni o accomunati, fuori dal gioco delle parti.

 

Questo amore così folle, così oscuro, così Mito.

 

 

                                                          TEATRO CUCINELLI- SOLOMEO

                                                            Stefano Accorsi e Marco Baliani

                                                               GIOCANDO CON ORLANDO

                                           Liberamente tratto da Orlando Furioso di Ludovico Ariosto

                                                           STAGIONE DI PROSA  2016- 2017

Adattamento teatrale e Regia di Marco Baliani- Scene Mimmo Paladino-Impianto scenico Daniele Spisa-Costumi Alessandro Lai - Luci Luca Barbati. Prodotto da Nuovo Teatro diretto da Marco Balsamo

 

 

marilena badolato

 

 

 

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

3

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.