Blog

LO STABAT MATER. “CANTARE LA QUARESIMA” CHIESA DI SANT’ERCOLANO- PERUGIA

Stabat Mater dolorosa  / iuxta crucem lacrimosa, /dum pendebat Filius

 

LO  STABAT MATER, tutto il dolore di una madre per la morte del figlio. Universale, lancinante, sempre attuale. Che diventa la rappresentazione “desolatamente commovente”  di Giovanni Battista Pergolesi, a cui si associa  il testo del nostro Jacopone da ‘Todi, scritto tra il 1303 e il 1306. “Cantare la Quaresima” è il ciclo di appuntamenti con varie Corali, qui nella Chiesa di Sant’Ercolano, il  tempio che racchiude i resti del primitivo martire perugino Ercolano, defensor civitatis.

 

ANTICO  INCIPIT della sequenza latina cantata o recitata  durante la “Messa dei Sette Dolori  della Madonna”  (Festum Septem Dolorum Beatae Mariae Virginis), ma  grandemente utilizzata nei riti del venerdì santo. A ricordarci, a ricordare, il dolore universale e lancinante vissuto  per la morte di un figlio. All’inizio solo nei libri di preghiere private e solo dal  XV secolo nella Messa Mariana, sotto forma di melodia gregoriana strutturata in sequenza.

 

NEGLI ANNI un testo  messo in musica da oltre 400 compositori, tanto identificativo dei giorni della Passione. Lo Stabat Mater fu commissionato a Pergolesi nel  1735 dalla Confraternita di San Luigi di Palazzo,  opera iniziata a Napoli e portata a termine nel Monastero dei Padri Cappuccini di Pozzuoli. Si narra che Pergolesi riuscì a malapena a terminarla colpito  da quella tisi che lo avrebbe portato a breve alla morte. Strumentazione per archi e basso continuo, presenza nelle parti solistiche delle due sole voci di soprano e contralto. Sequenza suddivisa  in  una  serie di duetti e arie solistiche. Le concezioni melodiche  appaiono e armoniche risultano innovative e allineate con le  tendenze musicali di  scuola napoletana ed europea. 

 

UNA EMOTIVITA’  composta, ma profonda che scaturisce dal cuore, nei virtuosismi del soprano Chiara Franceschelli e nelle diverse modulazioni del contralto Damiana Pinti, che evitano sempre la esasperazione drammatica. La disperazione diventa così una  dolente rassegnazione che porta verso una commozione  partecipativa,  che le artiste insieme al Coro femminile e ai Musicisti dell’Ensemble Octava Aurea, riescono a ricreare, complice  la bellezza del tempio di Sant’Ercolano che sembra  abbracciarci in una struggente e perfettamente calzante realtà.

 

Fac me vere tecum flere.

 

 

 

                                                                 CANTARE LA QUARESIMA 2016

                                    Appuntamenti  Corali Quaresimali -Perugia- Chiesa di Sant’Ercolano

                                                              Direzione artistica Mauro Chiocci

 

                                                               STABAT MATER  G. B. Pergolesi

                                                             Ensemble Musicale “ Octava Aurea” 

 

Direttore: Mario Cecchetti

Soprano: Chiara Franceschelli

Contralto: Damiana Pinti

 

Ensemble Femminile Octava Aurea: Laura Cannelli, Miriam Castellani, Cecilia Falorni, Klara Luznik, Rachele Melelli Roia, Marzia Natali, Benedetta Simonini, Marta Cecchetti, Arianna Fioriti, Elena Palombini, Giulia Petroni, Vittoria Sinibaldi, Ilenia Tittarelli.

Ensemble strumentale. Violini: Beata Bukor, Chiara Mezzetti; Viola: Francesco Mastriforti; Violoncello:  Ermanno Vallini; Contrabbasso: Luca Marzetti; Organo: Biagio Quaglino.

 

 

marilena badolato

 

 

AUTHOR - Marilena Badolato

No Comment

1

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.