Blog-gusto ®

E LA CULTURA NON SI FERMA. CARIPERUGIA ARTE CON #ARTEINQUARANTENA: VIVERE LE MOSTRE RESTANDO A CASA.

E LA BELEZZA CI SALVERA’. La stupita consapevolezza di poter noi osservare tanti nostri capolavori e mostrare al mondo la nostra grandezza. Così la Fondazione CariPerugia Arte prosegue nella sua opera di promozione della cultura con tour virtuali che la campagna #arteinquarantena diffonde attraverso i canali Facebook, Twitter, Instragram, Youtube della Fondazione stessa, diventando una finestra sul mondo tra storia, arte, cinema e attualità. Questi i percorsi espositivi:   LA COLLEZIONE ALESSANDRO MARABOTTINI, il prezioso lascito dello studioso fiorentino (1926-2012)  composto da circa settecento opere, tra dipinti, sculture, disegni, incisioni, miniature, cere, vetri, avori, porcellane ed arredi, compresi tra il…

25

E LA CULTURA NON SI FERMA. LA CREATIVITA’ DI CINZIA VERNI.

ANCHE la cultura della creatività non si ferma. E gli artisti creano sempre in attesa di tempi migliori. Così anche Cinzia Verni continua a creare chiusa nel bel “Castello di Corciano” dove vive e lavora. I suoi abiti, fatti con materiali antichi e modernissimi, appaiono mescolati in un’alchimia misteriosa che li proietta nel futuro. Di corda, foglie, fiori, juta mescolati a organze e tele antiche, sete impalpabili, tessuti preziosi in un mondo di colori e forme. ECOCHIC infatti è il suo brand.   ECCO il suo saluto e un saluto anche da Tito, un bulldog francese che, dallo sguardo, sembra…

22

E LA CULTURA NON SI FERMA. A PERUGIA OGGI 19 MARZO LA COMUNITA’ DIOCESANA PREGA PER L’ITALIA

 “VI INVITO a pregare il Rosario in famiglia la sera della festa di san Giuseppe, il protettore delle famiglie e della Chiesa, accendendo un lume alla finestra di ogni casa. Il vostro vescovo sarà il primo a compiere questo gesto e ad unirsi nella preghiera che ci accomunerà per sottolineare la fede, la speranza e, soprattutto, quell’amore che diventi un filo rosso dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, il filo rosso della carità molto più forte della “zona rossa”. Queste le parole del Cardinale Arcivescovo Gualtiero Bassetti a tutte le famiglie dell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve.   E STASERA ogni famiglia,…

24

E LA CULTURA NON SI FERMA. MA NIENTE FRITTELLE PER SAN GIUSEPPE.

OGGI niente frittelle, antica storia di povertà e grasso bollente. Il primo anno senza le mie frittelle di San Giuseppe. Non ho in casa gli ingredienti giusti e soprattutto l’olio giusto per friggere. San Giuseppe, frittellaro da nord a sud della nostra penisola, si dovrà accontentare di una “torta di riso della pandemia.” Perché il riso c’è, certo non l’originario che è il migliore per i dolci, il latte per cuocerlo e lo zucchero non mancano e, miracolo, trovo una bustina di vanillina, per quel profumo che ti assale e ti sorprende e il rum che fa la differenza…e qualche…

20

E LA CULTURA NON SI FERMA. LA “RISATALIBERATUTTI” DI ELISA DE MEO.

NON ABBIAMO certo voglia di ridere, nè di sorridere. Ma sappiamo tutti che ridere allenta le tensioni. E penso sia inutile scrivere ancora che poi, passata l’emergenza, tutto non sarà più come prima. Già adesso nulla è come prima.  Sappiamo che più che lasciare un segno, il coronavirus segnerà una svolta.   E FORSE allora, quando saranno tempi nuovi per tutti, ci iscriveremo a questo “Yoga della risata” di Elisa De Meo del “Club della risata” di Perugia, dove si combinano tecniche di respirazione profonda proprie dello yoga a esercizi di risate diaframmatiche. Per aumentare le riserve d’ossigeno nel corpo…

19

E LA CULTURA NON SI FERMA. IL SALUTO TEMPORANEO DI MARIA CECILIA BERIOLI E UMBRIA ENSEMBLE.

PER ORA è musica dai balconi, spontanea, disperatamente diffusa da tutti noi che siamo prigionieri consapevoli degli eventi. E rimbalzano, da ringhiera a ringhiera, i motivi italiani più noti e popolari. Perché la Musica è linguaggio universale comprensibile ai più e così emozionante da farci dimenticare spesso ansie, paure, contraddizioni della nostra società. E soprattutto non si ferma.   UMBRIA ENSAMBLE ci ha regalato momenti intensi di grande cultura e conoscenza. Oltre che Musica coinvolgente e magistralmente eseguita. A tutti Loro e al Direttore artistico Maria Cecilia Berioli  un grande grazie e un arrivederci a tempi migliori.  Pubblico il loro…

15

E LA CULTURA NON SI FERMA. QUANTO IL CORONAVIRUS RESISTE SULLE SUPERFICI.

“È impossibile davvero sapere quando accadrà il picco. In teoria, se le misure di contenimento hanno funzionato, il loro effetto sarebbe non ora ma tra 15 giorni.”   IL SITO MedicalFacts del virologo Roberto Burioni ha diffuso (16 marzo 2020) uno studio che cerca di fare chiarezza su uno dei temi più discussi a proposito del contagio, quello della persistenza del virus stesso su 4 materiali di largo uso: rame, cartone, acciaio inossidabile e plastica.   IL rame e il cartone presentano un dimezzamento della capacità infettiva in meno di 2 ore per il primo materiale e entro 5 ore…

27

E LA CULTURA NON SI FERMA. AICI- ASSOCIAZIONE INSEGNANTI CUCINA ITALIANA.

CON AICI, Associazione Insegnanti Cucina Italiana, il concetto si fa sapore grazie alle maestre di cucina. Insegnare non solo la cucina di casa, ma i metodi, i modi, gli strumenti, i segreti insomma del mondo che si muove in quell’ambiente che chiamiamo cucina. La ricetta è un’attività alchemica. Il cuoco scompone e compone, divide e unisce, crea una nuova realtà e la rende accessibile agli altri. E la prima regola è non accontentarsi, soprattutto quando si tratta di ingredienti, la cosiddetta materia prima.   OGGI sarà una curiosità, “la farina fina d’Ungheria”, tratta dal libro di Susanna Badii (tra le…

15

E LA CULTURA NON SI FERMA. PREGHIERA ALLA BEATA COLOMBA IN TEMPO DI PANDEMIA.

IN QUESTA TRINCEA DOMESTICA DELL’ISOLAMENTO oggi, domenica 15 marzo 2020, strade deserte e deserta l’anima, forse serve più che mai il conforto di una cultura di fede. L’attesa sembra infatti avvicinare tanto gli animi, mentre le braccia e le guance restano per ora distanti, la fisicità annullata. E la preghiera ci riconnette a quell’impossibile che ci fa sperare in una vicina possibilità. Una speranza.   LA BEATA COLOMBA pregò, qui a Perugia, di preservarci dalla peste che imperversava, ciclica, nella nostra Penisola e quasi a intervalli regolari, seminando distruzione e morte.   ECCO ALLORA una parte della lettera, affettuosa, inviata…

11

E LA CULTURA NON SI FERMA. MA NOI SI’. DAI MEDICI UMBRI: SERVE DISCIPLINA.

NON abbiamo ancora capito che serve la massima attenzione. E NON CAPIREMO MAI SE E QUANTO LE MISURE ADOTTATE FUNZIONANO.  E che l’esortazione di stare a casa, vale per tutti i giorni della settimana (che ormai sono tutti uguali) e non vi sono deroghe per il sabato. Quindi tutte queste auto che dalle 15.30 di oggi sabato 14 marzo transitano (con cadenza quasi regolare una dietro l’altra e pensando forse meglio prima che più tardi),  da via XX Settembre verso il Centro di Perugia, chi le ferma? E dove vanno? La movida così la fa il virus…   LEGGIAMO LE…

10