Blog-gusto ®

UNA CIALDA PER SANT’ERCOLANO.

LA CIALDA vive di un connubio stretto con il suo ferro che la marcherà indelebilmente. L’una non può stare senza l’altro, senza l’altra l’uno non ha la sua giustificazione d’esistere. Cambiano le ricette più o meno complesse e ”dedicate” ai luoghi originari e alla diversa composizione: azzima  quella primigenia consacrata  o non per essere portata seco dai pellegrini lungo il “cammino”, testimone preziosa di fede o semplice mezzo di sostentamento.  Ostia o Oblata, perché offerta per il viaggio verso la testimonianza. Nella ricetta, stabilizzata presso la Università dei Sapori, ho voluto inserire il miele e l’anice, elementi tipici del Mediterraneo…

1

IL 2 NOVEMBRE AL FRANTOIO DI GIOVANNI BATTA.

IRRINUNCIABILE L’APPUNTAMENTO, il 2 novembre di ogni anno, con la grande tavola amicale di Gianni e Giuliana Batta. Qui al frantoio dove si respira profumo d’olio d’oliva e sapore di buono in bocca, di genuino e autentico. I piatti sono quelli della tradizione, guai se mancassero oggi, giornata dedicata a coloro che non ci sono più e che noi vogliamo ricordare anche a tavola. Fave secche lessate e gustate con olio al peperoncino, quella delizia piccante di olio e peperoncini rossi macinati che Gianni prepara ogni anno, o ancora fave decorticate e cucinate  a minestra con l’immancabile fetta di pane…

1

FRANTOI APERTI: RICOMINCIAMO DALL’OLIO.

RICOMINCIAMO  DALL’OLIO: FRANTOI APERTI 2016 con il miracolo dell’olio nuovo. Dopo la catatastrofe noi ricominciamo dall’olio, olio benedetto. L’oliva si frange e dà l’olio e solo da essa, dal frutto dell’ulivo, nasce questo salubre oro liquido. Quindi ogni annata sarà diversa, se l’olio è vero e genuino. Ma il miracolo si rinnova più o meno intenso, più o meno  costretto da cambiamenti climatici importanti.   SONO 12 I COMUNI ADERENTI a Frantoi aperti che in queste  giornate, dal 29 ottobre al 27 novembre, per 5 fine settimana consecutivi, regaleranno olio in degustazione. Dalla più semplice e classica della bruschetta, pane…

2

TERREMOTO.

UN UPPERCUT TERRIBILE. Anzi due. Dal basso verso l’alto. E mai te li aspetti, anche se l’Italia è sismica e  la tua regione è ancor più sismica. Ma ogni volta è la prima volta. E sai che se avviene di pomeriggio, la  tua notte sarà “bianca”, a sognare fantasmi. E’ sin da bambina che senti la  terra tremare ad appuntamenti cadenzati con il fato. La tua casa tremare, Il rifugio sicuro zeppo delle tue cose e persone più care, tremare. E ti chiedi dove saranno, in questo momento che sei sola, adesso i tuoi cari, ora che la  terra se…

2

EUROCHOCOLATE 2017 SARA’ “TUTTA UN’ALTRA MUSICA”.

  QUESTO IL CLAIM del prossimo anno, Eurochocolate 2017 dal 13 al 22 ottobre. E con una testimonial d’eccezione: Artemisia da Todi, nome antico per 7 anni d’età. Chioma rosso-vivace, protagonista già di molte campagne pubblicitarie per note aziende e riviste di moda e, almeno così appare dalla diretta del collegamento qui al Centro Camerale Alessi di via Mazzini, golosa di  cioccolato…Nel visual ufficiale ascolta “ Note di gusto” con le cuffie iChoc, musica che arriva dalla tastiera di cioccolato di Costruttori di Dolcezze. Con lei si annuncia la realizzazione di uno spazio esclusivo dedicato ai bambini con attività a…

2

EUROCHOCOLATE 2016: CON CHI? IL CIOCCOLATO.

  PASTICCERIA, MATEMATICA EUCLIDEA. La pasticceria è una cosa seria. Grammature precise, fisica  e chimica degli elementi, forme geometriche nitide, nette e fantasticamente poi colorate. I colori della natura, ma anche quelli tecnologici parlano di creazioni, di caratteri, di personalità. Il pasticciere lì dentro mette l’anima. Molto più  di qualunque cuoco o chef. L’anima è dolce, non v’è dubbio. E persino nera se è di cioccolato, e pronta a plasmarsi con la materia plastica di Lui- il cioccolato-sino a diventare una cosa sola. E finita quella sua creatura che compone lentamente, alliscia, carezza o scuote, manipola appunto con quelle mani…

1

EUROCHOCOLATE 2016: CON CHI? 70° CIOCCOLATO ICAM.

EUROCHOCOLATE 2016, UNIVERSITA’ DEI SAPORI DI PERUGIA: Concorso Cioccolato ICAM, giuria presieduta da Ernst Kamt. I magnifici cinque finalisti in gara: Andrea Restuccia da Foligno (PG) con la torta “ Perla nera”, Michele Giacalone da Castelvetrano (TP) con “Intense”; Alessio Baietta da Limana (BL) con “Torta sette decadi”; Antonino Stella da Caltanisetta (CL) con “Dolcenera”; Enrico Tedesco da San Zenone degli Ezzelini (TV) con “Freschezza Dominicana”. Salutati dal responsabile Area sviluppo Maurizio Beccafichi, i pasticceri utilizzeranno i laboratori tecnologicamente attrezzati della Scuola e lavoreranno il cioccolato della Linea Professionale Icam, ognuno di loro con un lavoro di ore a costruire…

1

EUROCHOLATE 2016: CON CHI? LA FONTANA.

PIAZZA IV NOVEMBRE, UN TEMPO PIAZZA GRANDE, oggi è chiamata dai turisti Piazza della fontana che in effetti è il nostro assoluto gioiello: amato, controllato con occhio vigile e amorevole, difeso, come si fa con un figlio ormai grande, ma sempre da proteggere, non visti, in fondo al cuore. Dove i perugini si sono sempre riuniti e ritrovati nelle grandi occasioni e  dove svettano, di bianca bellezza, le sculture di Nicola e Giovanni Pisano che hanno rappresentato la vita della nostra città, quella medievale ma anche la storia della latinità con i suoi miti. I Mestieri e le Arti, le…

1

EUROCHOCOLATE 2016: CON CHI? PIAZZA MATTEOTTI, GIA’ DEL SOPRAMURO.

Piazza  Matteotti, le sue botteghe e il mercato, un tempo detta del Sopramuro perché  si elevava sopra un antico terrapieno realizzato nella seconda metà del XIII secolo in luogo di un’area fortemente scoscesa poco fuori dalla cinta delle mura etrusche. Fu nel 1273 infatti che si decise di costruire un grande “muro civitas” di terrazzamento, all’esterno del muro etrusco, con arcate rinforzate da poderosi contrafforti alti 15 metri, creando così questa “piazza artificiale” che accolse, nel XV secolo, i palazzi del Capitano del Popolo e dell’Università Vecchia. La Piazza contiene anche la Loggia dei lanari, sito intitolato all’arte dei lanari,…

1

EUROCHOCOLATE 2016: CON CHI? CORSO VANNUCCI.

IL NOSTRO CORSO PRINCIPALE porta il nome del “ divin pittore” Pietro Vannucci, il Perugino, nato a Città della Pieve, artista nuovo nelle velature, nell’umana dolcezza dei volti delle sue Madonne, nei paesaggi nostri dallo sfondo botanico e acquatico lacustre. Il corso è in realtà una grande e lunga  piazza tanta è  la sua ampiezza. E’ luminosissimo e costruito in modo tale che anche in fondo, da Piazza Italia, si possa sempre scorgere  la Fontana Maggiore dei Pisano, Nicola e Giovanni, bianca bellezza a cui i palazzi ottocenteschi sembrano fare rispettosa ala. Stand del cioccolato curiosi e interessanti e forse…

1