Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Blog-gusto ®

FOOD ITALIAE SI PRESENTA: UNIVERSITA’ DEI SAPORI- PERUGIA.

RICCA ALVEOLATURA del pane e delle focacce. Creati oggi con la farina del Molino Gatti. In bocca consistenza umida ed elastica  che si sposa molto bene con la sapidità degli ottimi salumi modenesi di Antica Foma.  Farine semi integrali di tipo 1 e arricchite di germe di grano utilizzate nel pane e nelle focacce tipo romano ad alta idratazione e panificate con oltre 48 ore di lievitazione  dal Maestro dell’arte bianca e docente della Università dei Sapori  Andrea Pioppi. Impasti acidi a lunghissima lievitazione in frigo e fuori frigo.    LA CARBONARA nella versione dello chef Davide Aprile, anche lui…

7

LA TV PRIMA E DOPO CAROSELLO. SINO AL 9 APRILE A PALAZZO DELLA PENNA LA MOSTRA SUI MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA.

LA NOSTRA INFANZIA E L’ ADOLESCENZA  messe a nudo nella mostra “La Tv prima e dopo Carosello”, visitabile fino al 9 aprile nelle sale del Museo civico di Palazzo della Penna, la prima in Italia a celebrare i sessant’anni della messa in onda del programma  datato 3 febbraio 1957,  ed esattamente a 40 anni dalla cessazione della trasmissione che coincide anche con l’arrivo della Tv a colori. Mostra sapientemente illustrata dallo scrittore, critico cinematografico e grande esperto, oltre che amico, Fabio Melelli, grazie anche all’incontro organizzato nei giorni scorsi dalla Associazione culturale “ Il Corimbo”. Gaiezza e felicita nei volti…

9

GARDEN CLUB PERUGIA: GLI ALBERI “PATRIARCHI” DELLA NATURA.

Alcuni alberi sembrano aver creato e plasmato l’ambiente  che li circonda e non viceversa. L’ambiente sembra nato dopo il loro insediamento e aver cambiato la propria fisionomia adattandosi a quegli alberi e diventando parte della loro lunga storia. E’ il caso dei “patriarchi” della natura, gli alberi secolari  e millenari che fanno loro stessi la storia  dei luoghi. Legati a tradizioni popolari, a riti  e miti che li hanno visti sempre lì, protagonisti di quella vita, delle cosmogonie, dei valori fondanti, delle visioni del mondo. Gli alberi come sentinelle ambientali, padroni dei boschi e delle radure, a verdeggiare colline o…

6

STUPENDAMENTE “LESSO”. CON LA MAGIA DEL NUMERO 7.

STUPENDAMENTE “LESSO” . Dal Piemonte alla Sicilia, mangiando il bollito si discute di carni, salse e abbinamenti. E nella grande tradizione del bollito misto o “gran bollito” ritorna la magia del numero 7.   7 TAGLI DI POLPA, 7 AMMENNICOLI E 7 BAGNETTI. 7 sono i pezzi di carne utilizzati: tenerone-collo o coppa-, scaramella-pancia e costato-, muscolo di coscia, muscoletto, spalla, fiocco di punta, cappello del prete. 7 sono gli ammennicoli, cioè cosucce golose da cuocere in tegami separate: lingua, testina, coda, zampetto, gallina, cotechino, tasca ripiena. 7 sono le salse principali: salsa verde rustica e povera,  salsa verde ricca…

2

I GIOVANI IMPRENDITORI UMBRI “PENSANO VERDE”. LE IMPRESE UNDER 35 SONO 7.562 CON IL SETTORE AGRICOLO IN CRESCITA.

I nostri giovani manager pensano verde. In netta crescita secondo le ultime statistiche della Camera di Commercio di Perugia le imprese giovanili dedicate alla agricoltura. Il verde piace perché unito a un territorio verde da sempre. A significare ” maggiore attenzione alla cura del paesaggio e alla tutela del territorio”  afferma nel suo intervento il Segretario generale della Camera di Commercio perugina, Mario Pera, durante l’incontro annuale dei giovani imprenditori tenuto nella sede camerale. Più semplice e più gratificante dedicarsi alla terra soprattutto se la tradizione familiare tramanda usi e costumi legati al mondo agricolo con la possibilità di innovazione…

7

OMEOPATIA, FITOTERAPIA, FLORITERAPIA, SPAGIRIA. OGGI SEMPRE PIU’ TERAPIE COMPLEMENTARI.

PROSEGUONO gli incontri, organizzati dal Garden Club di Perugia sul “benessere verde”. Dopo “Guarirò nell’orto”, e “Il Verde, un potente antistress”, ora è la volta della medicina naturale  con “Omeopatia, fitoterapia, floriterapia, spagiria: terapie alternative o complementari?”, le cure con farmaci o preparati a base di erbe, fiori, spezie, funghi  e altri prodotti che la Natura ci regala. Risposta al grande  interesse verso questo campo, inizialmente visto e vissuto come terapia alternativa e oggi come terapia complementare o integrata.    MEDICINA olistica,  omeopatica, biologica degli integratori, pratiche fisiche e medicina energetica, quantistica dove l’organismo non viene visto soltanto come materia,…

3

LUCIANA BARTELLA E QUELLA “TENUE MAGIA A COLORI “.

NON ESSENDO un critico d’arte, nè letterario non mi resta che parlare di Luciana dal punto di vista delle emozioni. E con Lei sono tante. Trasmesse dalle sue opere, dalla sua sensibilità.  Emozioni di quel camminare insieme, molti anni fa, da Lei condotta verso i suoi luoghi segreti del dipingere. Sì perché l’acquerello si identifica bene con una tecnica naturale, en plein air, all’aperto, per godere immersi nelle erbe, nei fiori, nelle colline, nello specchio d’acqua del lago che si vuole rappresentare. Immersi è la parola giusta, che spesso i papaveri, i fiordalisi o gli altri fiori erano più grandi…

6

COMUNE DI MAGIONE: UMBERTO RAPONI E LUCIANA BARTELLA CITTADINI ONORARI. IL LAGO TRASIMENO COME NATURA, ARTE E LIBERTA’ COMPOSITIVA.

 LA CITTADINANZA ONORARIA, conferita dal Comune di Magione  per la costanza, l’impegno, la perizia creativa, l’affetto costante dimostrato ai luoghi dai due artisti umbri Umberto Raponi e Luciana Bartella.  Il lago come luogo di ispirazione, dove l’estro  creativa trova il terreno giusto per esprimere la luce, il  verde del paesaggio, la serenità umbra, dice il Sindaco Gianfranco Chiodini. Luoghi che sono un elemento propulsivo di artistica rappresentazione, aggiunge il presidente del Consiglio comunale e consigliere delegato ai Beni e  Attività culturali Vanni Ruggeri, durante la cerimonia di conferimento. Forse quelle stesse “ ispirazioni” vissute da  Gerardo Dottori  che affrescano la…

3

SAN COSTANZO E IL PRINCIPE DEI TORCOLI. IL 29 GENNAIO PERUGIA DIVENTA UN DOLCE.

IL FUTURO REMOTO E’ QUI.   UNA CITTA’ E TRE PATRONI.  Uno di loro molto amato e affettuosamente ricordato. Costanzo, santo dal culto diffuso, come dimostrano le chiese erette ab antiquo in suo onore. Primo  vescovo di Perugia, martirizzato intorno al 170  e alla data del 29 gennaio come riporta il Martyrologium Hieronymianum, il Martirologio Geronimiano, la  più antica raccolta di santi martiri cristiani. Decapitato all’altezza del “trivio” di Foligno, forse vicino Trevi, in una località che nel 1600, al tempo dello storico e presbitero folignate Ludovico Jacobilli, (Vite de’ santi e beati dell’Umbria, ed. anast. Bologna 1971) era ancora…

7

FESTA DI SAN COSTANZO E LA LUMINARIA DELLA VIGILIA.

SFILANO IN TANTI NELLA FREDDA SERA,  al vespro di gennaio. Ma un tempo sicuramente sfidando un percorso innevato, tra fiaccole e lumi di cera a rischiarare il buio della città e delle coscienze. Quando le processioni erano atti penitenziali a chiedere protezione, a innalzare inni e preci al cielo. Era lunga la via dalla Cattedrale  di San Lorenzo sino alla chiesa di San Costanzo, la zona dove in origine fu sepolto il martire, chiamata “Areola fuori Porta San Pietro”, nel pomoerium, cioè post–merium, dopo le Mura. La chiesa fu titolata al santo nel 1205.“Nell’anno 1205, Indizione VII per la festa…

6